INSIEME CONTRO LE ZANZARE

Diffondi la cultura antizanzara

Le zanzare trasmettono malattie... anche in Italia

Chikungunya

Nel 2007 in Emilia Romagna si è verificata la prima epidemia Europea di Chikungunya, una debilitante malattia fino ad allora considerata tropicale. Più di 200 persone sono state infettate a causa delle punture di zanzara tigre.

Virus del Nilo Occidentale

Questa malattia anche conosciuta come West Nile Virus è considerata endemica in Italia tanto che si è sviluppato un nuovo ceppo della malattia denominato "Veneto". In Sardegna ha fatto la sua apparizione del 2011. Uno delle conseguenze immediate di questa malattia è la sospensione della donazione di sangue per i soggetti che hanno soggiornato anche solo per una notte nei luoghi a rischio.

Dengue

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Salute un terzo della popolazione mondiale vive in aree a rischio di contatto con la zanzara della Dengue. In futuro questa percentuale è destinata a raddoppiare a causa dell'aumento della temperatura globale. L'Europa ha fatto i conti nel 2013 con una importante epidemia di febbre dengue. Più di 1.300 persone sono state infettate nell'arcipelago portoghese di Madeira. Nel 2014 alcuni casi autoctoni si sono verificati nel sud della Francia.

Sindrome di Skeeter

La sindrome di Skeeter è una reazione allergica locale alle punture di zanzara. Consiste in un evidente fenomeno infiammatorio e febbre. Il primo caso documentato in Italia si è rilevato nel 2010 in una donna di 24 anni residente nella provincia di Cuneo.

Però... NON trasmettono l'AIDS

Il sangue della zanzara e quello della vittima non hanno contatti durante le punture in quanto la zanzara inietta saliva e aspira sangue. Inoltre il virus dell'HIV, se presente nel sangue contenuto nella zanzara, verrebbe reso inattivo in poco tempo dal processo digestivo dell'insetto. Infine la quantità di sangue succhiata dalle zanzare è comunque insufficiente per contagiare persone o animali.

Tutti insieme contro le zanzare

Contrastare le zanzare

Cosa fare:

  • trattare regolarmente con prodotti larvicidi i tombini e le zone di scolo e ristagno dell'acqua
  • eliminare i sottovasi o evitare il ristagno di acqua al loro interno
  • verificare che le grondaie siano pulite e non ostruite
  • coprire le cisterne e tutti i contenitori dove si raccoglie l’acqua piovana con coperchi ermetici o zanzariere ben tese
  • trattare con larvicidi fontane e vasche ornamentali. Si possono introdurre pesci rossi che sono predatori delle larve di zanzara
  • Informare e coinvolgere i vicini nella lotta e prevenzione al diffondersi delle zanzare

Cosa NON fare:

  • accumulare copertoni e altri contenitori che possono raccogliere anche piccole quantità di acqua stagnante
  • lasciare che l’acqua ristagni sui teli utilizzati per coprire cumuli di materiale e legna
  • lasciare annaffiatoi o secchi con l’apertura verso l’alto
  • lasciare le piscine gonfiabili e altri giochi pieni di acqua per più giorni
  • svuotare nei tombini i sottovasi o altri contenitori

Più siamo, meglio è... condividi!

Evita i focolai di riproduzione

Diffondi la cultura antizanzara

Curiosità e miti da sfatare sulle zanzare

Aglio e vitamina B

Mangiare aglio o vitamina B non aiuta a ridurre le punture delle zanzare. Test di laboratorio hanno evidenziato come l'ingestione di queste sostanza non abbia alcun effetto sul numero di punture ricevute o con il livello di attrazione delle zanzare.

Profumi e dopobarba

Non è detto che chi utilizza profumi sia preso maggiormente di mira dalle zanzare. Sebbene ci siano studi che evidenziano l'attrazione delle zanzare da parte di alcune piante e fiori, non ci sono studi sugli effetti di profumi personali (lozioni, colonie, spray, deodoranti, dopobarba, ecc) per quanto riguarda l'aumento dell'attrazione delle zanzare da parte di esseri umani.

Colori dei vestiti

I vestiti scuri attraggono più zanzare di quelli di colore chiaro. Alcuni esperimenti hanno evidenziato che l'ordine di preferenza per le zanzare è: nero (più attrattivo), rosso, blu, verde, giallo bianco (meno attrattivo).

Pipistrelli

I pipistrelli non servono a molto nella lotta contro le zanzare. I noti test delle 2000 zanzare ingerite a notte sono stati fatti in laboratorio dove questi animaletti avevano a disposizione una sola fonte di cibo. Inoltre le zanzare tigre sono attive di giorno, i pipistrelli di notte.

Ultrasuoni

La America Mosquito Control Association afferma che nessuno degli studi condotti nell'arco di 15 anni ha evidenziato una capacità repellente per gli antizanzare ad ultrasuoni. Tutti i tentativi di influenzare il comportamento delle zanzare mediante ultrasuoni sono falliti. La stessa agenzia governativa americana è molto critica verso questi apparecchi imputando alla comune fobia per i prodotti chimici la propensione all'acquisto di antizanzare ad ultrasuoni.

Picchi di infestazione

Le zanzare tigre iniziano a riprodursi quando la temperatura minima è superiore ai 10°C e le ore di luce superano le 13 ore quotidiane. Alla latitudine di Roma a metà marzo le ore di luce sono circa 12. Con temperature medie di 25°C il ciclo di sviluppo varia tra 7 e 15 giorni, in piena estate 6-8 giorni. Ogni femmina è in grado di deporre un totale di 350-450 uova a stagione. La prevenzione è fondamentale!

Solo le femmine pungono

Le zanzare femmine succhiano sangue per permettere la maturazione delle uova grazie alle proteine in esso contenute. Il sangue non ha alcuno scopo nutritivo. I maschi non succhiano mai sangue durante i loro pasti. Per ottenere energie sia i maschi che le femmine si nutrono del nettare delle piante.

La zanzara tigre vive dove nasce

La zanzara tigre ha capacità di volo limitate ad alcune centinaia di metri. Al contrario delle zanzare delle risaie che possono percorrere anche decie di km, la zanzara tigre vive dove nasce, per questo colonizza il territorio a macchia di leopardo. E' per questo che per godersi il proprio giardino è importante la collaborazione dei vicini.

Aiutaci anche tu! Condividi!

Si può fare di più... alcune delle armi a disposizione.

Larvicida Biologico

Pastiglie antilarvali a base di Bacillus Thuringiensis. Innocue per l'ambiente impediscono alle larve di zanzara di portare a termine lo sviluppo. Leggi tutto

Ovitrappola Aqualab

Un ristagno artificiale che permette e agevola la deposizione delle uova di zanzara. Gli adulti che nascreranno resteranno intrappolati. Leggi tutto

inaTrap

Trappola per zanzare da interni. Protegge con discrezione anche gli ambienti più eleganti. Leggi tutto

Mosquito Magnet

Proteggere giardini fino a 5000 mq con la potente trappola per zanzare ad emissione di anidride carbonica Mosquito Magnet. Leggi tutto

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.